Big Data: le sfide attuali per la crescita futura

Big Data: le sfide attuali per la crescita futura

“Questo prodotto con che tipo di clienti ha più successo?” “Se volessi anticipare l’orario di chiusura del negozio di un’ora, quanti ricavi perderei?” “Quanto spesso i miei clienti fanno degli acquisti?” “Qual è la loro spesa media?” “Su che prodotto potrei puntare per aumentare i miei profitti?” “La campagna di fidelizzazione che abbiamo attivato sta dando i risultati sperati?”
Queste sono solo alcune delle domande che un’azienda si pone ripetutamente nell’arco della propria attività, spesso prima di prendere decisioni importanti sul futuro. Queste decisioni spesso vengono effettuate basandosi sulle sensazioni e sull’esperienza  accumulata dal responsabile ma, seppur essenziali, queste conoscenze e doti non sono sempre sufficienti o applicabili in tutti gli ambiti. Una conoscenza approfondita, comprovata da dati certi, di ciò che accade, potrebbe essere una carta vincente da giocare nell’avviamento di nuovi progetti. A differenza di quello che si può pensare, non è sempre necessario ricorrere a fonti esterne per ottenere i dati di cui si ha bisogno. Spesso, per raggiungere certi obiettivi, ci si può affidare esclusivamente ai dati che ogni giorno le imprese accumulano nei propri database: dati di vendita, iscrizioni al proprio sito internet, tessere fedeltà, newsletter, etc.

Questi, però, spesso non vengono sfruttati nel modo giusto. La sfida che un’azienda, anche di piccole o medie dimensioni, si deve porre è quella di sfruttare al meglio i dati che riesce ad ottenere dalla propria attività, trasformandoli in informazioni utili al successo aziendale.
Secondo un recente studio dell’Osservatorio Big Data Analytics & Business Intelligence del Politecnico di Milano, l’89% delle grandi imprese utilizzano l’analisi dei dati per analizzare la propria situazione attuale e passata, in modo da prendere le giuste decisioni. Questa scelta si è dimostrata vincente e facilmente percorribile a prescindere dalla dimensione aziendale.

La raccolta dei dati, ovviamente, da sola non è sufficiente. Per questa ragione, UBM Consulting, società di ricerche di mercato, grazie alle competenze acquisite, è in grado di fornire un servizio di Big Data Analysis, che le permette di essere il partner perfetto per tutte le realtà che vogliono iniziare questo viaggio nella conoscenza di se stessi e dei propri clienti. Il processo di analisi che UBM consiglia di intraprendere si articola in 3 step consecutivi:
  1. Definizione degli obiettivi da raggiungere con l’elaborazione;
  2. Costruzione di database idonei allo scopo, con conseguente raccolta dei dati;
  3. Identificazione delle elaborazioni necessarie per ottenere le informazioni adatte agli obiettivi e successiva analisi dei risultati.
Passo a passo UBM Consulting è in grado di accompagnare ogni azienda in questa esperienza e aiutarla nello sviluppo di un proficuo piano di crescita.

Tutte le notizie